I nostri valori

Motivazione della scuola

Maddalena di Canossa si proponeva con la sua opera di rimediare ai maggiori bisogni spirituali del suo tempo e, tra questi il primo, il più urgente era quello dell’educazione “dipendendo ordinariamente dall’educazione, la condotta di tutta la vita”.
La preoccupazione di Maddalena non era la scolarizzazione, ma la scuola per la vita, la formazione umana, morale, religiosa e sociale. L’esperienza canossiana nell’oggi, in fedeltà all’intuizione di Maddalena, dà particolare importanza a tre dimensioni della personalità umana:

  • dimensione umano-spirituale: intesa come centralità della persona per promuoverla, aiutarla, proteggerne la dignità di figlia di Dio;
  • dimensione sociale: intesa come opzione per i poveri di educazione, in particolare quanti non hanno la possibilità di accedere ai beni della vita, in linea con il progetto di Dio;
  • dimensione vocazionale-pastorale: intesa come qualità di presenza, sempre comunitaria.

La comunità educativa collabora a promuovere le finalità del presente Progetto in clima di ricerca continua, di verifica e di dialogo con altre agenzie ecclesiali e sociali, specialmente con la famiglia. Mandato irrinunciabile della comunità educativa Canossiana è quello di “far conoscere e amare Gesù Cristo” con la testimonianza della vita, con l’annuncio esplicito, in umile servizio di carità, prestando attenzione alle direttive della Chiesa e al mutamento delle situazioni storico-sociali.

 

Profilo dell’educazione canossiana

Scopo dell’azione educativa canossiana è la promozione globale ed armonica della persona affinché, attraverso relazioni positive, maturi nella conoscenza e nella stima di sé e della realtà che la circonda, fino a scoprire l’amore personale di Dio nei suoi riguardi e la sua missione nella società. A questo proposito un valido sussidio è costituito dal “Profilo dell’Educatore nelle opere canossiane”, pubblicazione in cui vengono fornite alcune specificazioni sull’educazione-formazione in senso canossiano.

In tale opera viene sottolineato come divenga essenziale:

  • promuovere la crescita della persona, la sua dignità e le doti personali;
  • orientarla alla conoscenza e realizzazione di sé perché scopra di essere dono per gli altri;
  • dare rilevanza alle esperienze di vita quotidiana per abilitare ad una corretta autovalutazione;
  • educare ad una coscienza critico-positiva e al senso di responsabilità;
  • favorire l’assimilazione e la rielaborazione del sapere per avere valori e significati di vita.

Il metodo educativo è preveniente-promozionale perché intuisce i bisogni, individua gli ostacoli, vigila e potenzia lo sviluppo integrale della persona. Esso è personalizzato, dialogico e graduale. Lo stile dell’educazione canossiana si esprime in modo armonico attraverso:

  • amabilità e fermezza
  • gradualità dei ritmi personali
  • familiarità e rispetto
  • gratuità e gioia.